The Dramaturg’s Gaze: About the role of the dramaturg in contemporary theatre and dance practice

Vanja Baltić

Abstract


L’articolo tratta il posizionamento della figura del dramaturg all’interno della prassi del teatro post-drammatico. Si interroga, da un lato, sui modi in cui il lavoro del dramaturg influenza la creazione artistica, prendendo in considerazione possibili controversie riguardo il suo status di intellettuale, le sue preferenze ideologiche e la sua soggettività e dall’altro, il potenziale che si annida nella capacità filosofica della figura di problematizzare e analizzare, tenendo conto anche del proprio sguardo, un vero e proprio idioma il quale connette diverse parti della totalità creativa. Con l’obiettivo di approcciare questa presenza teatrale molto sofisticata e polivalente, quest’articolo si riferirà, tra altre risorse, ai disegni di Saint-Exupéry del suo classico Il piccolo principe, agli esperimenti visivi di Rafael Spregelburd e alla danza d’assenza di Vincent Dunoyer.


Full Text

PDF (English)


DOI: 10.6092/issn.2039-2281/8958

Copyright (c) 2018 Vanja Baltić

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

ISSN 2039-2281
Email: antropologiaeteatro@unibo.it
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8105 del 1 ottobre 2010

La rivista è gestita e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]