Canti di partecipazione e di resistenza a Mumbai

Sara Roncaglia

Abstract


A partire dalla costruzione delle prime filande verso la metà dell’Ottocento, Mumbai ha visto la propria fisionomia cambiare con la crescita, l’espansione e, infine, il declino della manifattura del cotone. Tra la fine del Novecento e l’inizio del Duemila si è assistito alla chiusura dei grandi opifici, un processo stratificato, espressione di una moltitudine di concause, che si è soliti ricondurre al più generale concetto di “deindustrializzazione”. Le trasformazioni della città nel corso degli anni sono state e sono ancora oggi narrate dai bardi urbani, lok shahir, i quali, traendo ispirazione dal retaggio folclorico del Maharashtra, hanno cantato la nascita dell’industria, la fatica del lavoro, l’impegno dei lavoratori nei movimenti sociali e politici, la disillusione della deindustrializzazione e, successivamente, l’espulsione di una massa considerevole di persone dalla nuova città post-industriale.


Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2039-2281/8696

Copyright (c) 2018 Sara Roncaglia

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

ISSN 2039-2281
Email: antropologiaeteatro@unibo.it
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8105 del 1 ottobre 2010

La rivista è gestita e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]