Acteurs amateurs et créations professionnelles: des chœurs citoyens en représentation

Pierre Katuszewski

Abstract


Da circa vent’anni, diversi registi e coreografi integrano nelle loro distribuzioni attori non professionisti: Frédéric Fisbach, ne L’Annonce faite à Marie in scena nel 1996, ha fatto ricorso a un coro di attori non professionisti, così come Pippo Delbono nel suo Henry V (2003). Romeo Castellucci e Jérôme Bel nelle loro performance mischiano attori non professionisti con attori professionisti, mentre Pina Bausch riprende il suo famoso spettacolo Kontakthof con i pensionati e con gli adolescenti. Perché questi creatori hanno scelto di mescolare professionisti e non professionisti? Dopo aver constatato che questi registi e coreografi hanno ricorso a un numero significativo di non professionisti che spesso formano quello che essi chiamano “un coro”, si analizzerà la partecipazione effimera di questi gruppi nell’esperienza scenica. Non è questa forse l’espressione di una volontà di “contaminare” il palcoscenico teatrale, di solito riservato ai professionisti?

Full Text

PDF (Français)


DOI: 10.6092/issn.2039-2281/6264

Copyright (c) 2016 Pierre Katuszewski

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

ISSN 2039-2281
Email: antropologiaeteatro@unibo.it
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8105 del 1 ottobre 2010

La rivista è gestita e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]