Il teatro come bene relazionale: un contributo dalla scienza economica

Alessandra Todesco

Abstract


La differenza tra la maggior parte delle forme d’arte e il teatro viene alla luce in un aspetto elementare: il teatro nasce come relazione non riproducibile tra individui. Le qualità costitutive dell’esperienza teatrale, corporeità e compresenza di alterità, portano alla luce alcuni tratti essenziali di questo bene, e lo rendono interessante ai fini di un’analisi economica che consideri quest’arte come bene relazionale. Secondo questo approccio, il bene teatro si configura come fenomeno culturale che non può essere concepito come semplice “servizio pubblico”, ma piuttosto come risorsa desiderabile, bene nel senso etico del termine, qualcosa di buono per la civiltà. Visto come bene relazionale il teatro è un’esperienza che porta ricchezza al tessuto umano e a quello sociale con un’influenza sempre più nota sulla felicità delle persone, sulla qualità della vita, sulla crescita globale, che non dimentichi l’importanza del benessere dei singoli per realizzare il benessere dell’intera società.

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2039-2281/6253

Copyright (c) 2016 Alessandra Todesco

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

ISSN 2039-2281
Email: antropologiaeteatro@unibo.it
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8105 del 1 ottobre 2010

La rivista è gestita e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]