Il Maggio drammatico: teatro, canto e comunità

Davide Villani

Abstract


Abstract – IT
In alcune zone dell’Appennino reggiano e della Garfagnana è ancora presente una particolare forma di rappresentazione teatrale popolare, capace di coinvolgere le intere comunità locali: il Maggio drammatico. L’analisi di questa antica manifestazione, dalle origini ancora incerte, può fornire interessanti spunti di natura antropologica dettati soprattutto dal legame imprescindibile presente con la zona di riferimento in cui il Maggio viene prodotto: attraverso il canto singolo e corale con cui i maggerini raccontano storie mitologiche o appartenenti alla letteratura universale, il senso d’appartenenza alle proprie comunità da parte degli abitanti protagonisti si rafforza notevolmente e la salvaguardia stessa di quest’importante arte scenica, nonché la sua riproposizione annuale, contribuisce a mantenere salda la stessa identità comune.Questo articolo nasce da uno studio condotto sul campo nell’estate del 2008 e poi sviluppato nella tesi di laurea Antropologia del Maggio drammatico nell’Appennino reggiano e in Garfagnana di Davide Villani.

Parole chiave


maggio drammatico; antropologia;

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2039-2281/3674

Copyright (c) 2013 Davide Villani

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

ISSN 2039-2281
Email: antropologiaeteatro@unibo.it
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8105 del 1 ottobre 2010

La rivista è gestita e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]