Il bharata natyam: l’addomesticamento di una tradizione

Cristiana Natali

Abstract


Abstract – IT

Il bharata natyam, stile coreutico dell’India meridionale, viene generalmente considerato una danza tradizionale che ha mantenuto immutate nel tempo le proprie caratteristiche contenutistiche e formali. In realtà questo stile proviene da una danza precedente, il sadir, alla quale sono state apportate profonde trasformazioni dalla riformatrice Rukmini Devi. Nel passaggio dal sadir al bharata natyam vi è stata la sostituzione di un gruppo di specialisti di tradizione ereditaria con musicisti e danzatrici appartenenti a caste elevate, l’eliminazione di brani coreografici considerati eccessivamente erotici, il passaggio dal tempio al teatro nell’esecuzione delle performance, e infine l’introduzione di Shiva Nataraja come dio patrono della danza e come soggetto delle coreografie.

 

Abstract – EN

Bharata natyam, a dancing style from southern India, is commonly regarded as a traditional dance that preserved its features of content and form through time. Actually it takes its origins from a former dance, sadir, profoundly altered by the reformer Rukmini Devi. She replaced the hereditary specialized musicians and dancers with upper-cast performers, removed the most erotic choreographies from the repertory, moved the setting from the temple to the public stage and introduced Shiva Nataraja both as patron and topic of the dance.


Parole chiave


Natali; bharata natyam; Rukmini Devi; danza; India

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2039-2281/3190

Copyright (c) 2012 Cristiana Natali

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

ISSN 2039-2281
Email: antropologiaeteatro@unibo.it
Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 8105 del 1 ottobre 2010

La rivista è gestita e mantenuta da ABIS-AlmaDL [privacy]